Grazie dei Fiori Raidue

Il podcast delle puntate dell'edizione 2010


Russia

Le immagini dei miei floral show in Russia

Fioriere per esterni

Qualche idea per gli ambienti esterni

Pinterest

mode e tendenze

Chiedici un preventivo

Costruisci ilpreventivo delle tue nozze su misura

Orchidee

Come curare le orchidee

Lavori di giardinaggio?

per i tuoi lavori di giardinaggio e manutenzioni verdi clicca qui

Ticino Experience

Partecipiamo alla Carta delle imprese eco-sostenibili

il mio blog

quellocheifiorinondicono



Pachira

La Pachira aquatica è un albero tropicale umida del genere Pachira , originaria del Centro e Sud America dove cresce nelle paludi. E 'conosciuto con i nomi comuni di castagno Malabar, Guyana castagno, Saba Dado, Monguba ( Brasile ), Pumpo ( Guatemala ) . E 'classificato nella sottofamiglia Bombacoideae della famiglia Malvaceae

pach3In Asia orientale , la Pachira aquatica è spesso definita come "l'albero del denaro"

l nome del genere deriva da una lingua parlata in Guyana

la Pachira Insignis (Carolinea insignis), può crescere fino a 18 m di altezza allo stato selvatico. Ha foglie lucido verdi palmate e lanceolate (da 5 a 7) e corteccia liscia verde . I suoi fiori appariscenti sono lunghi, hanno stretti petali che si aprono come una buccia di banana per rivelare stami simili a capelli colore giallo-arancione Sono fiori molto profumati che si aprono durante la notte o al mattino presto, ma, essendo effimeri, durano soltanto un giorno. L'albero è coltivato per le sue noci commestibili che hanno un baccello legnoso. Le noci sono di colore marrone chiaro, con strisce bianche. Si dice che abbiano il sapore simile alle arachidi , e possono essere mangiate crude o cotte o macinate in una farina per fare il pane. Le foglie e i fiori sono commestibili. pachi_f_f

I frutti, purtroppo maturano solo nell'habitat naturale, ed anche i fiori sono visibili praticamente solo nell'habitat naturale. Arrivano ad essere fitti come dei pennelli, sono simili a piccole zucche vellutate così scure da sembrare nere, e sono divisi nell'interno in sezioni.

La pachira richiede una temperatura di almeno 16/18° ed un alto tasso di umidità, la pianta da noi non fruttifica e può essere facilmente mantenuta allo stato giovanile

La pianta va posizionata in interno con luce ma non sole diretto, che provoca delle irrimediabili bruciature sulle foglie.

Il terreno deve essere fibroso e mantenuto ben umido.

La migliore condizione di sviluppo è in vasi ad osmosi (tipo Lechuza), poiché rimane molto più facile assicurare il giusto gradi di umidità alle radici.

Le concimazioni devo essere preferibilmente azotate (e con microelementi) , e le eventuali potature vanno effettuate con regolarità per assicurare un armonioso sviluppo della pianta, tagliando il ramo alla lunghezza desiderata, dopo la biforcazione della foglia.

Se allevate in vaso, durante la bella stagione è opportuno che vengano portate all'aperto all'ombra, una volta che le temperature si sono stabilizzate.

La pianta è molto robusta ma alle volte può esser soggetta all'attacco di cocciniglie.

Nel 1986, un camionista taiwanese , è stato il primo a coltivare cinque piccoli alberi in un unico vaso di fiori con i loro tronchi intrecciati, così come la conosciamo.